Spezie comuni

spezie.it



Spezie comuni e utilizzo in cucina

Spezie - Aneto : ha un sapore simile a quello del finocchio, ma sia all’olfatto che al gusto risulta più pungente. Viene utilizzato principalmente per aromatizzare liquori, ma anche per insaporire condimenti e piatti soprattutto a base di pesce. L’aneto ha la capacità di favorire la digestione. Il finocchio selvatico è possibile trovarlo in commercio sia fresco che secco.
- Anice: in cucina l’anice viene utilizzato principalmente in ricette dolci, ma il suo impiego è ben noto anche nei liquori. Ha un gusto molto particolare, che non a tutti i palati risulta gradevole. In commercio si trovano i semi dell’anice.
- Cannella: la cannella viene utilizzata quasi esclusivamente nelle ricette per dolci, il gusto e l’aroma di questa spezia porta la mente alle feste natalizie, ed alle favole. La cannella si può trovare in commercio sia in stecche di varie misure che in polvere, le prime sono particolarmente indicate per la preparazioni di creme, che richiedono quindi un infusione, mentre la polvere viene utilizzata principalmente per la realizzazione di impasti per biscotti e dolci.
- Cardamomo: è una spezia dal gusto deciso, appartiene alla famiglia dello zenzero, viene utilizzato principalmente nella cucina orientale, diviene quindi essenziale in quelle ricette dove viene indicato, in quanto dono alla pietanza un sapore caratteristico. Il cardamomo si trova in commercio in semi, e sono di colore verde scuro.
- Chiodi di garofano: hanno un aspetto particolare, sono piccoli bastoncini di colore marrone scuro, con l’estremità che si apre a formare quattro punte, le quali incastonano una gemma. Questa spezia ha un odore dolce e fiorito ed ha un gusto molto versatile che gli consente ci consente di utilizzarla sia in piatti a base dolce che salata. I chiodi di garofano possono essere usati pertanto in dolci a base di frutta, creme aromatizzate e liquori. Li troviamo come spezia essenziale nel vin brulé tipico del Nord Italia, e nelle ricette salate sono ottimi associati ad arrosti, formaggi stagionati e marinate di selvaggina.
- Coriandolo: spezia tipica della cucina indiana, viene utilizzato sia macinato che in semi, come altre spezie viene impiegato sia nei dolci, ma anche in piatti a base di carne. Ha un odore dolce, simile per certi aspetti a quello della buccia d’arancia.
- Cumino: il cumino si trova in commercio sia macinato che in semi. Il suo aroma è forte e piccante, è uno degli ingredienti essenziali nel chilly e nel churry, di fatti è molto utilizzato nella cucina messicana, nord africana e orientale. Nella nostra cucina viene usato principalmente per la preparazione di salamoie e sottaceti, ma lo troviamo anche nei medicinali, infatti viene impiegato dall’industria farmaceutica per correggerne il gusto.
- Curry: non è una spezia, ma un’insieme di spezie sapientemente miscelate e macinate. In commercio pertanto si trova in polvere, ed è di colore giallo scuro. Il suo odore porta la mente a luoghi lontani, infatti è tipico della cucina indiana, si accompagna molto bene a piatti a base di riso e carni bianche.
- Dragoncello o Estragone: in commercio si trova principalmente fresco, viene impiegato per la preparazione di oli aromatici e si abbina bene anche a piatti di carne e pesce, è una spezia piuttosto versatile.
- Ginepro: le bacche di ginepro vengono impiegate in cucina principalmente nei piatti a base di carne, perché il loro sapore si sposa particolarmente bene con tali pietanze, inoltre le bacche di ginepro hanno la capacità di agevolare la digestione. Questa spezia viene utilizzata anche per aromatizzare liquori.
- Liquirizia: l’uso della liquirizia in cucina è legato soprattutto alla preparazione di dolci, liquori e bevande dissetanti.
- Menta: la menta fresca viene impiegata per la preparazione di the rinfrescanti, ma anche di insalate, particolarmente indicato l’abbinamento con piatti di pesce. La menta piperita viene invece usata soprattutto per la preparazione di liquori, perché ha un gusto molto più marcato, rispetto alla menta comune.
- Mirto: della pianta del mirto possiamo usare i frutti per la preparazione di liquori, e nella cottura dei nostri piatti in sostituzione del pepe. Si usano anche le foglie sia su piatti freschi, che destinati a lunga conservazione. Il mirto ha un aroma piuttosto deciso, pertanto si abbina bene a sapori forti ad esempio formaggi stagionati, o nella preparazione dei crauti.
- Noce moscata: la noce moscata si trova in commercio sia da grattugiare, che già grattugiata. La noce da grattugiare viene utilizzata principalmente per la preparazione del ripieno di tortelli, ravioli e per la besciamella. La noce moscata macinata viene impiegata per la preparazione della besciamella e del purè. La noce moscata ha un odore particolare, che richiama alla mente paesi esotici.
- Papavero: i semi di papavero vengono utilizzati principalmente per decorare e insaporire pane e grissini, ma sono ottimi anche abbinati a creme a base di formaggio. Questa spezia per sprigionare tutto il suo aroma richiede un minimo di tostatura prima dell’impiego.
- Paprica: la paprica è una polvere di colore rosso, in commercio si può trovare sia la paprica dolce che la paprica forte. La paprica viene prodotta macinando un particolare tipo di peperoni, poco piccanti, nella paprica dolce vengono tolti i semi durante la lavorazione, infatti sono essi a fornire in gusto forte all’altra varietà. La paprica viene utilizzata nella preparazione di creme che si abbinano bene alla carne grigliata, ed è uno degli ingredienti essenziali del goulash.
- Pepe (nero, bianco, verde e rosa): il pepe si trova in commercio sia in grani che già macinato, o in confezioni che consentono di macinarlo al bisogno. Il pepe può essere utilizzato nella preparazione di qualsiasi piatto che necessita di una nota piccante.
- Peperoncino: è una spezia che viene largamente utilizzata in cucina, lo possiamo trovare sia in ricette salate che dolci. In commercio, proprio perché ha un uso così ampio, si trova in tre versioni: intero, frantumato o in polvere. Questa spezia, fra le sue caratteristiche ha la capacità di stimolare la circolazione sanguigna.
- Senape: la senape si può trovare sia in semi che in polvere, in semi vi è sia la Senape Gialla che la Senape Nera. La senape viene utilizzata soprattutto per la preparazione di salse, che si abbinano molto bene al pesce, o alla carne bollita. La senape ha un gusto piccante, infatti viene utilizzata anche per la preparazione di salamoie e sottaceti.
- Sesamo: i semi del sesamo vengono usati soprattutto per decorare e aromatizzare pane e grissini, ma possono essere aggiunti anche all’impasto. I semi si sesamo tostati si abbinano bene alla preparazione di primi, e piatti a base di pesce e pollo.
- Vaniglia: la vaniglia si trova in commercio in stecche, viene usata soprattutto per la preparazione di creme dolci, mettendo in infusione la bacca, e togliendola a raffreddamento completato, così che rilasci solo il suo aroma.
- Zafferano: lo zafferano si trova in commercio in fili e in polvere, viene usato principalmente per la preparazione di risotti, ma lo si trova in diverse ricette grazie al suo particolare aroma e colore intenso.
- Zenzero: questa spezia viene usata principalmente nella cucina orientale per piatti a base di carne e di pesce, ha un gusto forte e piccante. Nella nostra cucina viene usato principalmente per la preparazione di dolci speziati e salamoie. In commercio si trova sia fresco che macinato.